Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Uso del rel="nofollow" per i link | Tecnica Seo White Hat


Attribuire il valore “nofollow” all’attributo “rel” di un link fa sì che Google non segua quel link e non passi la reputazione della tua pagina alla pagina cui quel link conduce. Affinchè Google non tenga in considerazione un link, aggiungi rel=”nofollow” all’interno dell’anchor tag di quel link. Se nel tuo sito hai un blog i cui commenti sono abilitati, i link all’interno dei commenti potrebbero passare la tua reputazione a pagine di cui non conosci l’affidabilità.

Le sezioni di commento dei blog sono altamente esposte allo spam. Applicare l’attributo nofollow ai link inseriti dagli utenti ti assicura che non passerai la “sudata” reputazione della tua pagina a un sito che contiene spam. Molti pacchetti di software per blog applicano automaticamente il nofollow ai commenti degli utenti, ma quelli che non lo fanno possono con ogni probabilità essere editati in questo senso manualmente. Lo stesso consiglio è valido per ogni altra sezione o area del tuo sito in cui l’inserimento di contenuto da parte degli utenti sia possibile, come ad esempio i guestbook, i forum, bacheche, liste di referrer, etc. Se invece sei disponibile a garantire per i link inseriti da terze parti, allora non hai bisogno di usare nofollow per quei link; tuttavia, link verso siti che Google considera spam possono danneggiare la reputazione del tuo sito.

Il Centro di Assistenza per Webmaster ha ulteriore consigli su come evitare lo spam nei commenti, come l’utilizzo di CAPTCHA e di un moderatore dei commenti.

Il nofollow può inoltre essere utile nel caso tu voglia inserire un riferimento a un sito web all’interno del tuo contenuto, ma senza passare ad esso la tua reputazione. Per esempio, immagina di scrivere un blog post relativo allo spam nei commenti e di voler mettere in evidenza un sito che recentemente ha inserito spam nei commenti del tuo blog. La tua intenzione è di allertare gli altri utenti riguardo quel sito, quindi includerai il link al sito nel tuo contenuto; tuttavia, di sicuro non vuoi dare al sito parte della tua reputazione tramite il link. In questa circostanza sarebbe opportuno usare il nofollow.

Infine, se hai interesse ad applicare il nofollow a tutti i link presenti in una pagina, puoi usare “nofollow” nei tuo meta tag robots, all’interno del tag <head> del codice HTML della pagina. Il Webmaster Central Blog contiene un post molto utile sull’uso del meta tag robots. Ecco come utilizzare questa soluzione all’interno del codice: <meta name=”robots” content=”nofollow”>

L'utilizzo del nofollow è incluso nelle tecniche White Hat

Letto 17967 volte

Ultimi Articoli

You are here:   Joomla Blog HomeGuideDizionario JoomelianoUso del rel="nofollow" per i link | Tecnica Seo White Hat