Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

K2 è installato su così tanti siti costruiti con joomla perchè  permette di "abbellire" i nostri contenuti senza la necessità di andare a installare plugin o moduli supplementari allo scopo di aggiungere informazioni e/o castomizzare i nostri articoli. Dai bottoni social, agli articoli correlati, per non parlare delle opzioni che riguardano gli autori, K2 è solo da lodare. Un ottimo componente, che grazie al sistema dei gruppi, dei fields e delle informazioni aggiuntive rende i nostri contenuti più attraenti al lettore rispetto a quelli generati da Joomla.

Chi possiede uno, o più di un sito web, si crea sin da subito il problema di come riuscire a controllare costantemente innanzitutto se il sito è online, e, a seguire, il numero di visitatori, il guadagno giornaliero, controllare il tasso di conversione degli obiettivi anche quando si è fuori casa ed impossibilitati a collegarsi tramite un pc fisso.

Ovviamente, avendo uno smartphone collegato ad internet puoi tranquillamente utilizzare un browser.
Ma ci sono delle app che grazie alle notifiche push, o tramite l'invio di una mail, ti avvisano se la tua creatura è online senza necessità di scomodarti ad aprire Dolphin Browser (lo nomino perchè lo ritengo uno dei migliori browser mobile), andare nei bookmarks e cliccare sul link salvato che porta alla tua home. Un pò scomodo direi.

Con questo post, a tutti quelli che hanno un android, consiglio di installare tre app che hanno risolto parte dei miei "incubi" giornalieri. Soprattutto se lavori su un e-commerce, saprai quant'è importante che il sito abbia un uptime "decente" (almeno un 98%), e quanto siano deleteri le fasi di down che spesso possono anche far perdere un cliente pronto ad un acquisto.

Per sapere all'istante se il sito va offline utilizzo due metodi che si completano a vicenda; il primo, che c'entra poco con un android, è quello di registrare un account su http://www.freewebmonitoring.com ed impostare per bene gli avvisi via mail che il servizio ti invia ogni qualvolta il sito va offline, ma soprattutto se nella pagina il crawel non ha individuato la presenza di una parola o di una frase a tua scelta.
Molto utile quest'ultima opzione perchè, nel caso il dominio sia online ma la "parola di controllo" non viene individuata, arriva un utilissimo avviso di "possibile hackeraggio" o di un problema minore.

Dopo questo breve accenno a Freewebmonitoring.com, torniamo all'argomento del post introducendo un App a cui delego il compito di controllare ogni tot minuti se tutti i siti sono raggiungibili. Ritengo sia immancabile tra quelle installata nel mio "compagno di vita".

Site Checker Astral

Per controllare che il tuo sito web sia online devi installare Site Checker Astral, che grazie ad una serie di impostazioni consente di selezionare la frequenza con cui si desidera controllare i vostri siti e la tipologia di segnalazione su eventuali errori. In caso l'app riscontri un problema si può impostare in configurazione una notifica push che ti avviserà che qualcosa non va come dovrebbe.

Site checker Astral è un importantissimo aiuto a ridurre i tempi di inattività di un sito web perchè ci permette di agire a tempo di record nel caso il sito sia per qualche motivo non raggiungibile. Inoltre, l'app permette di controllare un alto numero di pagine web ed include il supporto per HTTP e HTTPS.

Se ancora non l'hai installato, fallo, anche perchè su un sito spesso offline sarebbe inutile ciò che leggerai di seguito riguardo alla possibilità di controllare il traffico web dei tuoi siti.

Google Analytics Mobile

Molti sicuramente conoscono Google Analytics, e con esso lavorano per migliorare e rendere sempre più invitante una pagina web. Forse non sai che Google Analytcs può essere sempre con te grazie al tuo telefono. Infatti, è di recente pubblicazione su Google Play la versione mobile dello strumento dell'azienda di Mountain View.

Google Analytics mobile lo trovi qui, e appena installato ti accorgerai che svolge egregiamente il suo compito di analisi statistica, avendo le stesse possibilità di visualizzazione della versione desktop.
Al momento, il top per analizzare il traffico di uno o più siti web tramite cellulare.

Il vantaggio di utilizzare Analytics sullo smartphone è indubbiamente quello di poter collegare più account tra loro, ed avere dunque sotto uno solo di essi tutti quelli che abbiamo creato per ognuno dei nostri siti. Conosco diversi webmaster che registrano per ogni sito web, posseduto o gestito, un account sui social ben distinto dagli altri, ma anche un account su GA per ogni sito in modo da evitare qualsiasi collegamento tra nomi a dominio.

Questa app, grazie agli strumenti forniti da google, ti permette di avere il controllo sul traffico di innumerovoli siti con qualche semplice click unendo gli account posseduti a quello che utilizzi più frequentemente. Impareggiabile!!

Adsense Dashboard

Allora, sappiamo se il nostro sito è online, sappiamo il traffico riguardo a visite e conversioni, ci manca ora un App che controlli quanto guadagnamo. Partendo dal presupposto che molti siti online utilizzano per "mantenersi" Adsense, e visto che non esiste un app ufficiale free per controllare in ogni momento gli introiti giornalieri, esiste una valida alternativa totalmente gratuita.
Sto parlando di Adsense Dashboard, della quale trovi qualche screenshot significativo nella pagina Google+ del produttore.

Molto semplice da configurare, colpisce per la possibilità di camuffare i dati grazie al demo mode; una modalità che mostra dati non veritieri utili per uno scherzo agli amici sui tuoi guadagni.
L'app, al contrario di alcune altre che ho provato, fornisce dati esatti (e non è poco ehh). Se usi adsense, e vuoi controllare i dati in qualsiasi momento dal tuo smartphone, credo non esiste al momento qualcosa di meglio.

Ora vi lascio, e torno a lavorare. Risatona

La versatilità dello strumento che utilizziamo per i nostri siti è infinita, e scommetto che molti di voi ancora combattono per vedere, effettuando una ricerca su google, la propria facciona del profilo di Google+ accanto allo snippet degli articoli scritti ed indicizzati dal motore di ricerca.

Ti voglio svelare un metodo che non altera la grafica del tuo sito, ma permette di raggiungere l'obbiettivo utilizzando un semplice modulo html personalizzato invisibile. Premetto che il metodo esposto di seguito lo utilizzo, e dovrebbe essere utilizzato, solo nel caso in cui trattasi di un blog monoautore come questo.

Inutile dire che per mostrare la nostra facciona nelle serp è indispensabile avere un profilo su Google+ con un immagine del profilo che "assomigli" ad un volto umano. E' necessario inoltre inserire nell'area contributore (che troviamo nel tab informazioni del profilo) il nostro blog come ben spiegato qui.
Fatto ciò, l'unica cosa che ci serve è l'url del nostro profilo; tanto per intenderci, quello del mio G+ è questo: https://plus.google.com/u/0/103247861767407385718

Ora entriamo nell'area amministrativa del nostro Joomlasite, ed in configurazione generale disattiviamo l'editor di testo (selezioniamo no editor e salviamo).
Andiamo dunque in moduli e, cliccando su nuovo, creiamo un nuovo modulo personalizzato.
Diamo una nome al modulo, ad esempio Rel Author Google, e nel boxtext inseriamo questo codice:

<a href="/[profile_url]?rel=author">Google</a>

sostituendo /[profile_url] con l'url del nostro profilo (https://plus.google.com/u/0/103247861767407385718 ---> se metti questo compare la mia faccia; devi usare quello del tuo profilo ).

Ora voi penserete, ma compare un link testuale con scritto google? Vero, ma nessuno ci vieta di togliere l'ancoraggio al link. Infatti, per far in modo che questo articolo abbia me come autore è necessario solo il codice che vedi qui in basso, senza nessun ancoraggio al mio profilo. Google lo vede lo stesso, e lo utilizzerà per dare la paternità di ogni pagina di questo blog:

<a href="https://plus.google.com/u/0/103247861767407385718
?rel=author"></a>

Ricordo che sto parlando di un blog monoautore, dove non è necessario distinguere l'autore ad ogni post.
Per completare il tutto, pubblichiamo il modulo in tutte le pagine compresa la homepage e attendiamo che google faccia il suo dovere.

Possiamo controllare nello strumento di verifica di google se tutto è andato a buon fine e se non ci sono errori vari (se avete fatto tutto come descritto, dovrebbe apparire qualcosa di simile allo screenshot che vedi qui sotto).

Non passerà troppo tempo che la tua faccia la vedrai in bella mostra nelle serp accanto allo snippet dei post pubblicati sul tuo blog.

Questo è il mio primo post che tratta di App per Android, e credo che con mAnalitycs risolverò tanti problemi a chi come me ha da controllare le statistiche di numerosi siti web. Per un mio pallino cerco sempre di non legare assieme più siti web cercando di "dissociarli" il più possibile, sopratutto quando mi servo di servizi esterni come quelli messi a disposizione da Google. Ovviamente non ho nulla da nascondere, ma credo che il mio modo di agire sia condiviso da tantissimi webmaster che prediliggono avere tanti account su google, ognuno legato ad uno specifico sito web.

Questo modello ha diversi difetti, ma anche alcuni vantaggi che non sto qui ad elencare per non andare troppo fuori tema. Infatti, questo articolo nasce con lo scopo di consigliare un app fantastica e gratuita che ho scoperto da qualche mese e che mi ha risolto un grosso problema di tempo. L'App si chiama mAnalytcs, ed è scaricabile gratuitamente dal market.

Cosa fa mAnalytics

Bhèè... già il nome dovrebbe fare intendere che questa app si interfaccia con Google Analytics fornendo sul tuo smartphone Android tutti i dati essenziali che servono per monitorare un sito web. Un sito Web?!??  noooo... mAnalytics è capace di monitorare un numero infinito di siti (io ne controllo una cinquantina) fornendo i seguenti dati:

Visite
Pagine viste
Visitatori unici
Pagine viste/visite
Bounce Rate
Media del tempo di permanenza
% nuove visite
Referrers
Termini di ricerca
Pageviews per titolo
Visite per paese

Inoltre, questa app dimostra tutta la sua utilità perchè i dati possono essere serviti anche con intervalli temporali che possiamo selezionare facilmente con un semplice click sulle 5 opzioni che vi mostro nell'immagine che vedete qui di seguito:

Oggi
Ieri
Ultimi sette giorni
Ultimi trenta giorni
Si può scegliere un intervallo di date

In sintesi, si può dire che hai sempre con te Google Analytics per tutti i tuoi account che basta configurare inserendo nome utente e password una sola volta per poi, con due click, avere sotto mano tutte i dati statistici che ti servono.

L'app la scarichi da qui, come detto è gratuita, e l'unica cosa che devi sopportare sono gli Admod. Ma per un app così, un pò di pubblicità (a dire la verità, nemmeno troppo intrusiva) confrontata alle varie possibilità che offre è davvero nulla. Esiste una versione a pagamento che con soli 0,79 € offre qualcosa in più, ma già quella gratuita la trovo più che sufficiente.

Google ci permette di inserire in modo abbastanza semplice il bottone +1 nel nostro sito. Per mostrare, e quindi dare la possibilità hai nostri visitatori di "votarci" tramite il google button non è necessario installare plugin, moduli o addons vari. Infatti, basta davvero poco per inserire il bottone che dovrebbe far crescere la popolarità ed il posizionamento del nostro joomlasite.

Google +1

Vediamo qual'è, senza installare niente, il metodo migliore per visualizzare il +1 in un articolo, in un modulo, o in qualsiasi parte del nostro sito.

Panoramica sul tasto +1

Secondo Google il + 1 significa "questo è veramente interessante" oppure "te lo consiglio, provalo" ed ormai da diversi mesi, con numerose dichiarazioni sulla validità di questo strumento di condivisione, i vari rappresentanti del motore di ricerca consigliano di piazzarlo nel nostro spazio web allo scopo di migliorarne la performance e l'ottimizzazione.

L'influenza che i click sul +1 nelle pagine hanno per la posizione in serp per le nostre keyword ancora non è chiara, ma probabilmente una minimo di punteggio maggiore viene dato a chi mostra il bottone e "riceve dei voti favorevoli". Sicuramente rientrerà tra gli oltre 200 fattori di ranking, ma non aspettatevi che i voti dagli account google possano migliorare di molto gli ingressi al vostro sito, o accrescere la visibilità nel motore.

Da loggati, il voto sul +1 assume la sua importanza perchè permette di scalare posizioni se un amico fa click sul bottone. Il sito viene privilegiato, semplicemente perchè consigliato da un amico ai suoi amici. Ciò non ha lo stesso riscontro nelle serp organiche, ma forse tra qualche mese anche il +1 avrà la sua ragion d'essere sempre presente nelle pagine della nostra creatura indipendentemente dall'essere loggati o meno su google.

Dubito, francamente, che google dia troppo valore ai click sul +1 semplicemente perchè è abbastanza chiaro che la manipolazione di un tasto da parte degli spammer è davvero un gioco da ragazzi. Se prima (non è mai cessata) esisteva la compravendita di link per aumentare l'autorevolezza di un sito, acquistare click sul +1 sembra molto più semplice da attuare. Una volta c'erano gli scambi link, ora ci sono già gli scambi di +1. Ma google, è tanto stupido da dare agli spammoni del web un fattore di ranking facilmente manipolabile come il tasto +1?

Lo sapremo presto, quando capiremo l'influenza dei click su questa nuova invenzione dell'azienda, o quando ci renderemo conto che il +1 è un sistema adottato solo per fare pubblicità al social di casa Google, GPlus.

Tasto +1

I codici per inserire il tasto +1

Per visualizzare il bottone, google ci dice di inserire nelle nostre pagine due pezzi di codice che possiamo estrapolare in questa pagina http://www.google.com/webmasters/+1/button/. Qui possiamo scegliere tra diverse lingue, grandezze e stili del bottone.

Dopo aver selezionato quello che più ci garba, abbiamo i due codici da inserire.

<script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script>

<g:plusone></g:plusone>

Come detto, vi sono alcune possibilità di configurazione che possiamo anche scegliere in seguito. Infatti, basta aggiungere un "size" al secondo codice per modificare lo stile del bottone (piccolo, medio, standard, grande / con o senza conteggio dei click). Non mi dilungo troppo sulle possibili configurazione perchè google, nella pagina dove estrapolare i codici, mette in evidenza alcune domande comuni molto più che chiare per agevolare la nostra scelta su come visualizzare il bottone.

Come inserire il bottone +1 in Joomla

Diversi plugin, moduli e addons sono nati o sono stati integrati con questa nuova "invenzione" di google. Ma, con un pò di dimestichezza con il cms non sembra necessario caricare il nostro sito di altri addons "solo" per inserire un banale tasto. Ora vi spiego come mettere il +1 senza installare assolutamente nulla.

La prima cosa che dobbiamo fare è disattivare qualsiasi editor di testo utilizziamo nel nostro sito. Vai in configurazione generale e, nel menù a tendina, seleziona nel campo apposito "no-editor".

A questo punto, andiamo in Estensioni-->moduli e clicckiamo su nuovo. Selezioniamo "modulo personalizzato (html)" e nel campo testo inseriamo il primo codice (<script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script>). Possiamo selezionare a questo punto la posizione blocco modulo che più ci garba; solitamente è bene che questo codice si trovi in una parte alta del template (il codice non visualizza nulla, serve da appoggio al secondo codice). Dopo aver selezionato la posizione, inserito il codice, pubblicarlo e dato un nome al modulo (senza visualizzare il titolo ovviamente), possiamo salvare.

Dove inserire il tasto +1

A questo punto, dobbiamo stabilire dove visualizzare il tasto. La posizione migliore è senza dubbio prima dell'inizio del testo, o alla fine. Ma questo non ci deve limitare nella visualizzazione del tasto anche in altre posizioni del nostro sito. Possiamo anche metterlo in mezzo al testo, in alto a destra o a sinistra del sito, o in basso. Con questo metodo abbiamo davvero pochissime limitazioni.

Se vogliamo inserilo all'interno di un contenuto ci basta, sempre con editor disattivato, piazzare il secondo codice (<g:plusone></g:plusone>) direttamente nel campo testo che utilizziamo per scrivere i nostri articoli. Utilizzando l'html abbiamo anche la possibilità di centrare, allineare a destra o a sinistra il tasto all'interno del contenuto. Possiamo mettero ad inizio post o alla fine. L'unica cosa che dobbiamo fare è inserire il codice all'interno del testo. Semplice no?!?

Se non vogliamo utilizzare il bottone in mezzo al contenuto, possiamo anche scegliere un blocco modulo per visualizzare il tasto. Sempre con editor disattivato, creaiamo un nuovo modulo come da esempio precedente, ed inseriamo il secondo codice. Scegliamo il blocco e pubblichiamo il modulo. Tutto qua!! senza installare assolutamente niente.

Conclusioni

Ricordiamoci sempre che tutta la procedura esige la disattivazione dell'editor, e di non aprire il modulo o il contenuto dove abbiamo inserito il bottone con editor attivo.

L'utilità del tasto di google visualizzato nel nostro sito non ha ancora una chiara definizione, ma se solo influisca anche poco sulla posizione ed il trust del nostro sito non averlo potrebbe essere un autogoal che non ci possiamo permettere. Resta il fatto che, esclusi i webmaster attenti al posizionamento, pochi sono quelli che sanno cosa sia e a cosa serva il +1.... chi non si occupa di Seo, ottimizzazione, marketing, probabilmente non ha contezza di questa nuova implementazione dell'azienda Google, ma questo non significa che non lo saprà in un prossimo futuro quando il social di google diventerà pubblico in tutti i sensi.

Ancora infatti si va ad inviti, e non ci si può registrare se non come persone reali. Quando le aziende avranno la possibilità di registrarsi, e si avvicineranno al nuovo strumento sociale, probabilmente tutti conosceranno il +1 e saranno tentati (come con gli altri bottoni sociali) a consigliare anche col +1 contenuti ai propri amici come fanno già con twitter e facebook.

Pagina 1 di 2

Segui BlogJoomla.it su Google Plus

Ultimi Articoli

You are here:   Joomla Blog HomeGuideTrucchi e Consigli