Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Guide

Proteggersi dallo spam nei commenti di K2

La lotta contro lo spam nei commenti è una delle attività più noiose nella "manutenzione" di un sito web. È necessario c

Leggi tutto...

News

Bug Fix Release! Disponibile Joomla 4.2.9

Appena rilasciata Joomla! 4.2.9, con alcune correzioni e miglioramenti della major release j4! Ecco alcune Correzioni d

Leggi tutto...

Estensioni

DOCman diventa a pagamento

Un breve comunicato sul sito del produttore (http://www.joomlatools.eu/) ci informa che le prossime versioni di DOCman,

Leggi tutto...

Trucchi e Consigli

Un metodo semplice per inserire la nostra faccia nelle serp con Joomla

La versatilità dello strumento che utilizziamo per i nostri siti è infinita, e scommetto che molti di voi ancora combatt

Leggi tutto...

In periodo di Panda Update.... non potevano mancare questi teneri animaletti nel doodle dedicato oggi alla Giornata della Terra... al rispetto dell'ambiente ed alla salvaguardia del nostro meraviglioso pianeta.

Il doodle di Google | La giornata della Terra | 22 aprile 2011

 

Ti sei mai chiesto cosa indicano le cifre che seguono il nome Joomla? Ecco che ti chiarisco in due parole il significato che assumono questi "indicatori di versione".

  • Un cambiamento nella prima cifra indica un forte cambiamento del core di Joomla. Nella storia di Joomla! non si era mai verificato sino a quando non è stata messa in distribuzione la Joomla 2.5. In questo caso si può parlare di "aggiornamento".

  • Un cambiamento nella seconda cifra indica che sono state aggiunte nuove funzionalità al sistema, ma si mantiene un certo grado di compatibilità, queste modifiche al sistema portano ad una "migrazione".
  • Un cambiamento nella terza cifra indica che solo alcune piccole correzioni sono state effettuate. L'adattamento a questo sistema è il più semplice, e si chiama "update".

Mi sono trovato davanti ad un sito che mi ha sconvolto per questa "probabile" penalizzazione durata poche settimane ma ben visibile in questo grafico.

Dopo un improvvisa caduta, ed il limbo sotto le 1000 visite giornaliere, l'improvvisa rinascita e la crescita lenta ma costante....un bel case study!!

A detta del proprietario, la penalizzazione era dovuta ad un link a un casinò online, noti per non essere troppo graditi ai motori. Una pesante penalizzazione tutta da studiare a prima vista, ma che presto si rivela falsata. Infatti, la perdita di visite ha come causa un server scadente acquistato da un noto fornitore ma che era insufficente per le risorse necessaria al sito.

Dai vari rapporti visibili nei log, che non mostro per correttezza, si nota chiaramente come quasi tutte le richieste non andavano a buon fine, e spesso il server rispondeva con il fatidico error 500. La causa non era il link, o almeno non solo quello, ma il server antiquato su cui girava il sito. Tutto questo per dirti quanto sia importante per il tuo sito che giri su un server efficente...

La credibilità ha due peculiarità immancabili: autorevolezza e competenza. Entrambi i concetti possono essere sia oggettivi che soggettivi, e dipendono dalla sensibilità, da credenziali e dai "titoli", dalla nostra percezione soprattutto, spesso legata a fattori secondari come il carisma, il fascino, la capacità attrattiva.  Così siamo portati a credere più facilmente a colui che ci appare attraente, e meno a chi sembra un poco di buono. O almeno così dovrebbe essere...

Con i media (e con internet) la cosa si complica non poco perchè non vi è un contatto diretto, non vi è, e mai ci potrà essere empatia: ci manca la sensibilità della comunicazione non verbale che spesso è un segnale inequivocabile di buona fede e di fiducia altrui. È un tema dibattuto da molti anni, per cui non è facile definire regole generali quando ci riferiamo alla credibilità di un sito web o di una struttura organizzata che lo gestisce.

Certificarsi e dimostrare competenza attraverso vie non soggettive è uno dei metodi perseguiti dalla maggior parte dei siti autorevoli, ma oggi dimostrare a chi ci segue questo importante fattore non è per nulla semplice, ne tantomeno scontato il metodo da utilizzare. Ma possiamo fare una piccola cernita delle caratteristiche che possono aiutarci a rendere credibile il nostro sito e il prodotto che offriamo. Ecco un breve elenco di ciò che ogni sito web che si rispetti deve esprimere a chi lo visita:

Rendi semplice la verifica dell'esattezza delle informazioni sul tuo sito

È possibile creare una credibilità sul web per il tuo sito fornendo collegamenti a fonti di terze parti (citazioni, riferimenti, fonte di materiale). Anche se le persone non seguiranno questi link, hai dimostrato fiducia nel materiale che inserisci nella tua creatura. Ti sei appoggiato su altre risorse che hai ritenuto importante riportare, ed i tuoi  visitatori saranno felici di approfondire.

Mostra che c'è una vera e propria organizzazione dietro al tuo sito

Cerca sempre di far risultare che dietro al tuo sito web vi è un'organizzazione legittima che promuoverà la credibilità del sito. Il modo più semplice per farlo è elencare un indirizzo fisico. Altre caratteristiche possono aiutare, come postare una foto dei vostri uffici o l'inclusione della Partita IVA che dimostra l'appartenenza ad un ente pubblico importante come la camera di commercio.

Evidenzia le competenze all'interno dell'organizzazione, nella stesura dei contenuti e nei servizi che fornisci


Avete esperti nel team che sviluppa il sito? Sono tuoi collaboratori o dei fornitori esterni di servizi autorevoli? E' cosa buona mostrare le credenziali tue e dei tuoi collaboratori. Se sei legato ad un'organizzazione rispettata è chiaro e di fondamentale importanza informare i tuoi visitatori di ciò. Viceversa, evitare di collegarsi a siti esterni che non sono credibili. Il vostro sito diventa meno credibile anche per semplice associazione (la psicologia sul web insegna).

Dimostra che il sito è circondato da gente onesta e degna di fiducia

Per prima cosa mostra che ci sono persone reali dietro il sito. Quindi, trova un modo per manifestare la loro attendibilità attraverso immagini o testo. Ad esempio, potresti inserire alcuni post biografici dei dipendenti che raccontano della loro famiglia o dei loro hobby.

Rendi semplice contattarti

Un modo semplice per aumentare la credibilità del tuo sito è quello di rendere facilmente rintracciabili le informazioni di contatto: telefono, l'indirizzo fisico e indirizzo email

Progetta il tuo sito in modo che abbia un aspetto professionale

E' noto che la gente valuta rapidamente un sito dal design. Nel progettare il tuo sito, prestare attenzione al layout, alla tipografia, alle immagini, alla coerenza delle pagine.

Rendi il tuo sito facile da usare, e sopratutto utile

Due orientamenti in uno. E' scontato che i siti vincenti sono quelli facili da usare e utili per chi vi approda. Alcuni webmaster dimenticano gli utenti ed il rispetto che essi meritano. Abbagliare i visitatori non è eticamente corrento, e presto verrete sgamati che quello che presentate non risponde al vero. L'autopromozione è un brutto difetto per qualsiasi azienda, e anche per un sito web.

Aggiornare il contenuto del tuo sito spesso (o almeno mostrare che esso è stato rivisitato di recente)

Le persone assegnano più credibilità a siti spesso aggiornati o che rivisitano i loro contenuti inserendo fresche e nuove informazioni.

Usare la moderazione per qualsiasi contenuto (sopratutto annunci o offerte)

Se possibile, evita di avere annunci sul tuo sito. Se è necessario disporre di annunci per monetizzare, cerca sempre di distinguerli chiaramente dal contenuto dal tuo sito. Evitare gli annunci pop-up, a meno che non ti dispiaccia infastidire gli utenti e perdere di credibilità. Per quanto riguarda lo stile di scrittura cerca di essere sempre chiaro, diretto, e sopratutto sincero evitando di camuffare annunci pubblicitari o pagine dedicate a tale scopo.

Evita errori di ogni tipo, anche se modesti e per te irrilevanti


Errori tipografici e collegamenti rotti sono un male per la credibilità di un sito più di quanto immagini. E 'anche importante evitare il minino errore per mantenere il sito attivo, funzionante e performante.

tratto da http://credibility.stanford.edu/guidelines/index.html

I Cms, per la loro struttura del core, e per delle regole di produzione delle url, possono compromettere il posizionamento del nostro sito in quanto nella gestione delle pagine vanno a creare diverse URL che le raggiungono. Di fatto, il contenuto duplicato non piace ai motori di ricerca che potrebbero interpretarlo come un tentativo di inganno da parte del webmaster che volontariamente voglia il posizionamento top garantito per una determinata ricerca. Andiamo un pò a creare una tassonomia su cosa si intende per Contenuto Duplicato ed elencare qualche azione per diminuirne l'impatto.

Cos'è il contenuto duplicato?

Quando si parla di contenuto duplicato ci si riferisce generalmente a blocchi sostanziali di testo all'interno dello stesso dominio o su altri domini che sia completamente riportato o riprodotto in altri contenuti molto simili. La maggior parte delle volte in cui in un sito ci si trova davanti pagine duplicate, non è intenzionale da parte del Webmaster. Si tratta ad esempio di  forum che generano sia pagine regolari o stripped-down (collegamenti ai singoli post), o la raggiungibilità di pagine o oggetti (file pdf, xml, doc) tramite diversi URL distinti. In alcuni casi invece, il contenuto è duplicato volontariamente tra diversi domini nel tentativo di manipolare il posizionamento nei motori di ricerca o raccogliere più traffico attraverso ricerche comuni e popolari o tramite le cosidette long-tail queries (ricerche a coda lunga).

Cosa non è contenuto duplicato?

Sembra che gli
algoritmi non riconoscano come contenuto duplicato uno scritto uguale tradotto, ad esempio, dall' inglese allo spagnolo . Allo stesso modo, non ci si dovrebbe preoccupare se inseriamo occasionalmente nei nostri articoli frammenti di citazioni.

Perché i motori di ricerca prestano attenzione al contenuto duplicato?

Quando cerco qualcosa vorrei vedere una diversa serie di contenuti esclusivi; questo è scontato. Al contrario, sono comprensibilmente infastidito quando vedono lo stesso contenuto all'interno di una serp di risultati di ricerca. Sopratutto quando mi capita di dover passare da un altro sito per raggiungere il vero autore e il sito che ospita il contenuto originale. Personalmente, da fastidio anche quando vedo contenuti che sembrano originali, ma poi ti accorgi che sono scopiazzature prese da altri post..... in Italia siamo pieni di questi siti.

Google sopratutto, non penalizza un sito che abbia al suo interno un numero non significativo di contenuti duplicati, ma si limita a filtrarli e proporre per una ricerca quello che ritiene più appropiato. Difficilmente vi sono penalizzazioni drastiche, ma certamente una perdita di posizionamento per questo motivo potrebbe verificarsi. Con l'avvento del Panda Update, a breve operativo anche in tutte le versioni internazionali del motore di ricerca, le penalizzazioni pesanti potrebbero diventare una realtà.

Metodi Proattivi sui problemi di contenuto duplicato

  • Blocco volontario: Piuttosto che lasciare che sia un algoritmo a determinare la "migliore" versione di un documento, si potrebbe considerare di guidare il motore a decidere la nostra versione preferita. Ad esempio, se non si desidera indicizzare le versioni stampabili degli articoli, blocchiamo l'indicizzazione tramite espressioni da inserire nel file robots.txt .
  • Reindirizzamenti 301: se individui pagine duplicate, utilizzare reindirizzamenti 301 (indirizzamento permanente) per portare traffico verso la pagina tramite un indirizzo URL univoco.
  • Coerenza: cercare di utilizzare un sistema di link interni coerente significa che l'url della tua home, ad esempio, non deve puntare a /page,/index.html, /...frontpage.
  • Uso del TLD in lingua: Quando ci occorre gestire le url di un sito multilingua, il tld diventa fondamentale. I motori di ricerca sono più propensi a pensare che un contenuto in lingua tedesca sia un .de, uno in italiano .it, se in inglese .com, etc etc. Va bene anche una struttura del tipo dominio.com/de/ o dominio.com/it/ per distinguere le pagine del nostro multilingua.
  • Syndicate, Rss, Aggregazione: se si pubblica un contenuto su altri siti, assicurarsi che sia incluso un link (dofollow) che porti l'articolo originale su ogni articolo riportato. Anche se gli aggregatori non sono il massimo, se sono "onesti", portano visite e trust grazie al link che pongono alla fine dell'abstrat del tuo articolo. Se non te ne sei accorto, quelli che stanno sopra di te, molto probabilmente, o hanno troppi link nella pagina da rendere ininfluente il link al tuo articolo, o questo link ha il no-follow. 
  • Utilizzare la funzione di dominio preferito negli strumenti per i webmaster: se la tua home è raggiungibile utilizzando sia il www e non www valuta di suggerire tramite gli strumenti che mettono a disposizione i motori di ricerca di selezionare come preferisci che il tuo sito venga indicizzato.
  • Riduci al minimo le ripetizioni: per esempio, anziché inserire un testo lungo (copyright, informazioni azienda) sul fondo di ogni pagina, metti un breve riassunto e un collegamento ad una pagina con tutti i dettagli.
  • Evita la raggiungibilità di pagine vuote: se hai nel tuo sito sezioni vuote ancora da costruire, meglio bloccarne l'indicizzazione o evitare di inserire link che puntino ad esse.
  • Comprendere il vostro CMS: Assicurati di essere a conoscenza di come i contenuti vengono visualizzati sul tuo sito Web, soprattutto se dentro vi sia un blog, un forum, o componenti che spesso mostrano lo stesso contenuto in più formati.

tratto dal Blog Ufficiale di Google

L'azione proattiva è quasi indispensabile su un sito fatto con Joomla che notoriamente crea diverse url che raggiungono lo stesso contenuto. I modi di prevenire una cattiva indicizzazione ci sono..... metterni in atto può sembrare complicato (file robot.txt, htaccess, redirect), ma non lo è. Basta impegnarsi per capire i concetti fondamentali ed i vantaggi di queste operazioni sistematiche di controllo, verifica e correzione. Oltre ad essere notevolmente utili alle nostre creature ed al loro posizionamento, aiutano l'utente che non finisce mai in pagine che potrebbero svalutare il nostro sitarello.

Continua lo sviluppo di JUpgrade che raggiunge la versione 1.0.2 e che ora apre anche a tutti gli sviluppatori che vorrebbero permettere agli utilizzatori del Cms un modo semplice e veloce per aggiornare anche le componenti alla 1.6 in un sol colpo. JUpgrade, per chi non lo conoscesse, è un componente che si prefigge di agevolare il trasferimento di un Joomlasite costruito con la "vecchia versione" alla recente distribuzione del Cms; la Joomla!® 1.6.

Ricordando che, vista anche l'uscita della 1.5.23, attendere un pò prima di migrare i nostri siti - anche se la maggior parte degli addons hanno la loro versione per la 1.6 - è il consiglio per tutti le realtà in produzione, online da non più di qualche settimana. Con la 1.0.2 di Jupgrade viene garantito il trasferimento di alcune parti del vostro sito. Queste le percentuali dal sito del produttore.

Migrations supported:

  • Banners - 100%
  • Categories - 100%
  • Contacts - 100%
  • Content - 100%
  • Menus - 95%
  • Modules - 90%
  • Newsfeeds - 100%
  • Users - 100%
  • Weblinks - 100%
Pagina 19 di 86

Taolo 's Web Agency

Ultimi Articoli

Joomla Community Magazine

Ultimi Commenti

You are here:   Joomla Blog Home