Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Google ci permette di inserire in modo abbastanza semplice il bottone +1 nel nostro sito. Per mostrare, e quindi dare la possibilità hai nostri visitatori di "votarci" tramite il google button non è necessario installare plugin, moduli o addons vari. Infatti, basta davvero poco per inserire il bottone che dovrebbe far crescere la popolarità ed il posizionamento del nostro joomlasite.

Google +1

Vediamo qual'è, senza installare niente, il metodo migliore per visualizzare il +1 in un articolo, in un modulo, o in qualsiasi parte del nostro sito.

Panoramica sul tasto +1

Secondo Google il + 1 significa "questo è veramente interessante" oppure "te lo consiglio, provalo" ed ormai da diversi mesi, con numerose dichiarazioni sulla validità di questo strumento di condivisione, i vari rappresentanti del motore di ricerca consigliano di piazzarlo nel nostro spazio web allo scopo di migliorarne la performance e l'ottimizzazione.

L'influenza che i click sul +1 nelle pagine hanno per la posizione in serp per le nostre keyword ancora non è chiara, ma probabilmente una minimo di punteggio maggiore viene dato a chi mostra il bottone e "riceve dei voti favorevoli". Sicuramente rientrerà tra gli oltre 200 fattori di ranking, ma non aspettatevi che i voti dagli account google possano migliorare di molto gli ingressi al vostro sito, o accrescere la visibilità nel motore.

Da loggati, il voto sul +1 assume la sua importanza perchè permette di scalare posizioni se un amico fa click sul bottone. Il sito viene privilegiato, semplicemente perchè consigliato da un amico ai suoi amici. Ciò non ha lo stesso riscontro nelle serp organiche, ma forse tra qualche mese anche il +1 avrà la sua ragion d'essere sempre presente nelle pagine della nostra creatura indipendentemente dall'essere loggati o meno su google.

Dubito, francamente, che google dia troppo valore ai click sul +1 semplicemente perchè è abbastanza chiaro che la manipolazione di un tasto da parte degli spammer è davvero un gioco da ragazzi. Se prima (non è mai cessata) esisteva la compravendita di link per aumentare l'autorevolezza di un sito, acquistare click sul +1 sembra molto più semplice da attuare. Una volta c'erano gli scambi link, ora ci sono già gli scambi di +1. Ma google, è tanto stupido da dare agli spammoni del web un fattore di ranking facilmente manipolabile come il tasto +1?

Lo sapremo presto, quando capiremo l'influenza dei click su questa nuova invenzione dell'azienda, o quando ci renderemo conto che il +1 è un sistema adottato solo per fare pubblicità al social di casa Google, GPlus.

Tasto +1

I codici per inserire il tasto +1

Per visualizzare il bottone, google ci dice di inserire nelle nostre pagine due pezzi di codice che possiamo estrapolare in questa pagina http://www.google.com/webmasters/+1/button/. Qui possiamo scegliere tra diverse lingue, grandezze e stili del bottone.

Dopo aver selezionato quello che più ci garba, abbiamo i due codici da inserire.

<script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script>

<g:plusone></g:plusone>

Come detto, vi sono alcune possibilità di configurazione che possiamo anche scegliere in seguito. Infatti, basta aggiungere un "size" al secondo codice per modificare lo stile del bottone (piccolo, medio, standard, grande / con o senza conteggio dei click). Non mi dilungo troppo sulle possibili configurazione perchè google, nella pagina dove estrapolare i codici, mette in evidenza alcune domande comuni molto più che chiare per agevolare la nostra scelta su come visualizzare il bottone.

Come inserire il bottone +1 in Joomla

Diversi plugin, moduli e addons sono nati o sono stati integrati con questa nuova "invenzione" di google. Ma, con un pò di dimestichezza con il cms non sembra necessario caricare il nostro sito di altri addons "solo" per inserire un banale tasto. Ora vi spiego come mettere il +1 senza installare assolutamente nulla.

La prima cosa che dobbiamo fare è disattivare qualsiasi editor di testo utilizziamo nel nostro sito. Vai in configurazione generale e, nel menù a tendina, seleziona nel campo apposito "no-editor".

A questo punto, andiamo in Estensioni-->moduli e clicckiamo su nuovo. Selezioniamo "modulo personalizzato (html)" e nel campo testo inseriamo il primo codice (<script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script>). Possiamo selezionare a questo punto la posizione blocco modulo che più ci garba; solitamente è bene che questo codice si trovi in una parte alta del template (il codice non visualizza nulla, serve da appoggio al secondo codice). Dopo aver selezionato la posizione, inserito il codice, pubblicarlo e dato un nome al modulo (senza visualizzare il titolo ovviamente), possiamo salvare.

Dove inserire il tasto +1

A questo punto, dobbiamo stabilire dove visualizzare il tasto. La posizione migliore è senza dubbio prima dell'inizio del testo, o alla fine. Ma questo non ci deve limitare nella visualizzazione del tasto anche in altre posizioni del nostro sito. Possiamo anche metterlo in mezzo al testo, in alto a destra o a sinistra del sito, o in basso. Con questo metodo abbiamo davvero pochissime limitazioni.

Se vogliamo inserilo all'interno di un contenuto ci basta, sempre con editor disattivato, piazzare il secondo codice (<g:plusone></g:plusone>) direttamente nel campo testo che utilizziamo per scrivere i nostri articoli. Utilizzando l'html abbiamo anche la possibilità di centrare, allineare a destra o a sinistra il tasto all'interno del contenuto. Possiamo mettero ad inizio post o alla fine. L'unica cosa che dobbiamo fare è inserire il codice all'interno del testo. Semplice no?!?

Se non vogliamo utilizzare il bottone in mezzo al contenuto, possiamo anche scegliere un blocco modulo per visualizzare il tasto. Sempre con editor disattivato, creaiamo un nuovo modulo come da esempio precedente, ed inseriamo il secondo codice. Scegliamo il blocco e pubblichiamo il modulo. Tutto qua!! senza installare assolutamente niente.

Conclusioni

Ricordiamoci sempre che tutta la procedura esige la disattivazione dell'editor, e di non aprire il modulo o il contenuto dove abbiamo inserito il bottone con editor attivo.

L'utilità del tasto di google visualizzato nel nostro sito non ha ancora una chiara definizione, ma se solo influisca anche poco sulla posizione ed il trust del nostro sito non averlo potrebbe essere un autogoal che non ci possiamo permettere. Resta il fatto che, esclusi i webmaster attenti al posizionamento, pochi sono quelli che sanno cosa sia e a cosa serva il +1.... chi non si occupa di Seo, ottimizzazione, marketing, probabilmente non ha contezza di questa nuova implementazione dell'azienda Google, ma questo non significa che non lo saprà in un prossimo futuro quando il social di google diventerà pubblico in tutti i sensi.

Ancora infatti si va ad inviti, e non ci si può registrare se non come persone reali. Quando le aziende avranno la possibilità di registrarsi, e si avvicineranno al nuovo strumento sociale, probabilmente tutti conosceranno il +1 e saranno tentati (come con gli altri bottoni sociali) a consigliare anche col +1 contenuti ai propri amici come fanno già con twitter e facebook.

Pubblicato in Trucchi e consigli

Google + è la risposta del gigante della ricerca a Facebook. Il Social di Google è attualmente in una "prova su un campo limitato", ma sembra che Google stia aprendo le porte alle masse.

Il progetto Google plus (+) è l'iniziativa sociale dell'azienda di Mountain View che da qualche settimana attraverso un passaparola, dei video, numerosi sms a milioni di utenti di Google pensa in grande e dichiara guerra a "campo aperto" a chi al momento detiene il potere in ambiente sociale. Nei giorni scorsi gli inviti hanno raggiunto un pubblico molto più vasto e, a quanto pare, Google è pronto a testare il servizio con un gruppo più grande di utenze tantochè la possibilità di partecipare al test viene presentata anche tramite inviti diretti su twitter.

Google+ è un tentativo coraggioso e allo stesso tempo drammatico nel campo del web sociale. Daltronde, c'è un motivo per cui Google lo definisce come un "progetto" piuttosto che un "prodotto". Sicuramente non vogliono che la gente pensa sia un "prodotto finale", ma viene presentanto come un'entità in continua evoluzione che permea ogni angolo dell'impero Google. Flashhh!! Sorridente

Nel complesso, Google+ sembra molto più  solido dello "sfortunato" Google Buzz che non è riuscito a convincere gli utenti a "tornare ogni giorno". Se riuscirà nell'intento Google sarà ancora una volta un vincitore, ma l'azienda dovrà fare ancora di più per fornire una alternativa veramente convincente a Facebook. Google + non sembra poter (così com'è) competere con il re del sociale.

Pubblicato in Google
Venerdì, 20 Maggio 2011 00:42

La Social Search di Google diventa globale

Nel 2009 Google ha introdotto la prima bozza di Social Search come una funzione sperimentale progettata per aiutare a trovare informazioni rilevanti messe in risalto dai propri amici. Da allora costanti miglioramenti sono stati messi in atto, non sempre con buoni risultati, per legare più persone e presentare sempre più rilevanti risultati web. Oggi arriva la notizia che Google ha implementato la ricerca sociale a livello mondiale.


La Social Search si pone come obbiettivo quello di agevolare la ricerca delle pagine create o condivise dagli amici, compresi i link che sono stati retwittati o sharati nei più famosi social network. I risultati della ricerca sociale sono visibili solo da te e appaiono solo quando si è loggati al proprio account Google. Se si è eseguito l'accesso, Google potrebbe mostrare risultati come nell'immagine qui in alto.

Ma da dove vengono questi "suggerimenti" proposti dal motore? Google chiarisce che saranno comprese le persone della lista dei contatti nella chat di Google, i tuoi amici che sono su Google, la gente che ti sta seguendo in Google Reader e Buzz, da tutte le reti che hai collegato al tuo profilo di Google e da Twitter. Sicuramente non saranno solo queste le fonti, ma nel post  su http://googlesocialweb.blogspot.com non vengono citati altri riferimenti.
Il video qui sotto è una delle presentazioni di questo nuovo servizio che il motore di ricerca ha diffuso oggi a livello globale.

{youtube}4hAgiIXuNbs{/youtube}

Pubblicato in Google
Sabato, 14 Maggio 2011 17:13

Chi è il Re dei Social Networking

Digg, De.licio.us, Reddit, Twitter o Facebook? Questi sono i social più in voga del momento, e che possono aiutare il tuo sito ad acquisire qualche visita in più. Ma "pubblicizzarsi" sui Social può essere molto dispendioso, sopratutto se si hanno diversi siti, e se si decide di operare manualmente senza servirsi di strumenti automatizzati. Ma su quale dei social elencati è più "profittevole" investire del tempo?

La maggior parte della gente potrebbe rispondere Twitter, pensando che questo microblogging ha un grosso seguito e fa dell'istantaneità una delle sue caratteristiche primarie.
Ad oggi non abbiamo nessun commento ufficiale da parte di Google o altri motori su quali social networking puntare di più allo scopo di influenza il trust rank dei nostri siti.
Io un idea c'è l'ho!!! se vuoi, dimmi la tua nei commenti.

Twitter è il re dunque? No, direi di no.

Gli ultimi studi presentano un quadro molto diverso rispetto a qualche anno fa, quando ci fu l'avvento di questi nuovi strumenti di condivisione e cazzeggio. Oggi le varie ricerche disegnano molto chiaramente come la condivisione di link e note su Facebook lo pongono in una posizione dominante considerando il tempo da dedicare in relazione con altri Social Network.

Un tweet ha un impatto minore sul traffico al nostro sito di quanto lo ha uno link o una condivisione su Facebook.
Vediamo perchè!!


Un tweet compare ad un utente twitter solo se questo ci sta seguendo o legge una lista; il nostro cinguettio è quindi visibile solo per i "pochi seguaci". A meno che non vi sia un Re-Twitter, il tweet di solito muore in breve tempo. Per qualcuno che può contare su centinaia di migliaia di seguaci l'esplosione iniziale di un tweet può avere un impatto sicuramente maggiore; ed è per questo che Twitter ancora regge arrancando faticosamente il confronto... ma bisogna avere tanti seguaci. La realtà è che la maggior parte delle persone non hanno centinaia di migliaia di seguaci e nemmeno decine di migliaia di seguaci. Io con questo blog ne ho meno di cento.

Facebook presenta una serie di caratteristiche molto diverse

Quando un link viene inviato da un utente di Facebook, questo è visibile sulla bacheca, nella pagina di profilo, e tra i più recenti. Il collegamento compare anche nelle bacheche di tutti gli amici che hanno scelto nelle impostazioni di consentire di condividere le "novità" pubblicate da voi. Una volta che il link si trova nella bacheca degli amici, è visibile a tutti gli amici dell'amico che visitano la sua bacheca. Ovviamente, il collegamento può diffondersi in lungo e in largo, come si può immaginare. Se qualcuno ha deciso di condividere il link, quanto descritto sopra si "eleva all'ennesima potenza".

Al contrario di un tweet, che nella maggior parte dei casi ha una vita piuttosto breve, un link su Facebook è di durata molto maggiore. Ti faccio un esempio: una causa potrebbero essere alcuni giochi di Facebook. Facebook ha una serie di "giochi impiccioni" che scorrono le bacheche e le info degli amici in cerca di post molto più vecchi di 24 ore per facilitare l'esperienza di gioco e provare a legare due profili differenti con argomenti in comune. Ma basta anche che qualcuno scorra la tua bacheca e, condividendo qualcosa, lo riporta a nuova vita più e più volte. Su Facebook difficilmente qualcosa si perde, e questo "sì" è un bene, ma anche un male.

Un altro fattore che mette davanti Facebook a Twitter per la costruzione di trust rank sono i commenti. Ogni singolo commento su un link di FB si espone a diffondersi ad un altro gruppo di persone; e dunque possiamo sostenere senza remore che facebook è il terreno ideale per facilitare la diffusione di un collegamento sia a breve che a lungo termine. Considera anche che Facebook visualizza in modo casuale i post inseriti dagli utenti che hanno ricevuto commenti recenti ma che possono risalire anche ad alcuni mesi.

Insomma, ad un primo approccio - e dalla mappa di diffusione datata dicembre 2010 - sembra che abbiamo individuato il RE dei Social Networking per facilitare la diffusione dei contenuti di un sito o di un blog. Ho paraganato solo twitter e facebook perchè li ritengo più di una spanna più in alto in confronto a quelli citati ad inizio articolo.

Concludo.... se scegliamo di dare precedenza a uno di essi gli altri non vanno trascurati del tutto perchè, oggi più che mai, differenziare le visite e cercare di essere presente dappertutto può portare solo vantaggi futuri attenuando la perdita di traffico dovute ad una penalizzazione dei motori di ricerca, o un ban, o la chiusura di qualcuno di questi importanti Social Networking.

Pubblicato in Social Network News
Venerdì, 04 Marzo 2011 17:31

SMO (Social Media Optimization)

Social Media Ottimizzazione (SMO) o SEO sociale è quell'attività svolta sui social media con l'intento di attirare visitatori unici ad un contenuto di un sito web. SMO è uno dei due metodi in linea di ottimizzazione del sito web, l'altro metodo è ottimizzazione dei motori di ricerca o SEO.

Ci sono due categorie di SMO:

Funzioni aggiunte al contenuto del sito, tra cui: Feed RSS, social news e pulsanti di condivisione, gradimento degli utenti e l'incorporazione di funzionalità di community di terze parti come immagini e video

Le attività promozionali nei mezzi di comunicazione sociali, tra cui: blogging, commentando su altri blog, partecipando a gruppi di discussione, e postare aggiornamenti di stato sui profili di social networking

La Social Media Optimization è legata alla Search Engine Marketing, ma si differenzia da essa in diversi modi. In primo luogo, l'attenzione per il traffico proveniente da altre fonti rispetto ai motori di ricerca. Il Social Media Optimization è per molti versi collegate come una tecnica di viral marketing dove il passaparola non è creato attraverso amici o la famiglia, ma attraverso l'utilizzo di reti di social bookmarking, video e la condivisione di foto su siti web.

Social Media Optimization è da considerata parte integrante di un Reputation Management online (ORM) o Search Engine Reputation Management (SERM); due strategia per le organizzazioni o per gli individui che hanno a cuore la loro presenza online.

Pubblicato in Dizionario Joomeliano
Pagina 1 di 3

Ultimi Articoli

You are here:   Joomla Blog HomeGuideDizionario JoomelianoArticoli per tag: Social

Chi c'e' Online

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

Seguici su FacebookFollow Me Twitter

Joomla.it | Il sito di supporto Italiano
Joomla Show | La directory di Joomla

Google codescript verifica


BlogJoomla.it | Il Meglio di Joomla
The Joomla!® name and logo is used under a limited license granted by Open Source Matters the trademark holder in the United States and other countries.

BlogJoomla.it is not affiliated with or endorsed by Open Source Matters or the Joomla! Project