Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Guide

Migrazione da Joomla 1.5 alla 2.5, per grossi siti

Hai faticato due e più anni per costruire un sito "massiccio", di quelli con più di 10000 contenuti. Hai installato modu

Leggi tutto...

News

Joomla 4

Joomla4All Joomla!, è un premiato CMS Open Source costruito e mantenuto da una forte comunità di volontari che si sforz

Leggi tutto...

Estensioni

Rilasciato Sh404Sef V2.1 con Analytics integrato

Avevo già accennato alla prossima imminente uscita della nuova versione di Sh404 con integrato Google Analytics, ed è di

Leggi tutto...

Trucchi e Consigli

Creare titoli unici e accurati | Tecnica Seo White Hat

  Il titolo comunica gli argomenti della pagina sia agli utenti che ai motori di ricerca. Il tag <title> dovrebbe

Leggi tutto...

 

Tag title ai menù di Joomla

Tra i tanti fattori che influiscono nel posizionamento di un sito fatto con Joomla, che nativo non ha questa funzione, l'aggiunta dell'attributo "title" alle voci di menù è una spinta in più, sopratutto se queste voci da noi scelte sono ottime key di nostro interesse con le quali ci vogliamo posizionare. Questo attributo, che nasce come tag legato soprattutto all'accessibilità, non è contemplato nel core di Joomla e quindi tocca a noi (con un piccolo hack) modificare il codice del modulo mod_mainmenu, che genera l'output dei menu.

Proviamo con un semplice escamotage ad aggiungere un tag title che sarà uguale al titolo della voce di menù. Questa modifica dipende da che tipologia di menù utilizziamo

Per i menu di tipo "List":

Nel file modules/mod_mainmenu/helper.php, trovare la linea (Joomla 1.5.9) 343 che recita

$data = '<a href="'.$tmp->url.'">'.$image.$tmp->name.'</a>';

e modifichiamola così

$data = '<a title="'.$item->name.'" href="'.$tmp->url.'">'.$image.$tmp->name.'</a>';

Per quanto riguarda i menu di tipo "Legacy", il file da modificare è modules/mod_mainmenu/legacy.php, precisamente la riga 141 (sempre in Joomla! 1.5.9)

$txt = '<a class="' . $menuclass . '" href="' . $mitem->url . '">' . $mitem->name . '</a>';

sostituiamola con

$txt = '<a href="' . $mitem->url . '" class="' . $menuclass . '" title="'.$mitem->name.'
" ' . $id . '>' . $mitem->name . '</a>';

 

... e il gioco è fatto!! Abbiamo ora nel nostro JoomlaSite incluso uno degli oltre 100 fattori che influiscono nel posizionamento di un sito web. Non sarà certo decisiva per guadagnare importanti posizioni, ma una piccola spintarella sicuramente la otterremo.... provare per credere.

Content management systemUn content management system, in acronimo CMS, letteralmente "sistema di gestione dei contenuti", è uno strumento software installato su un server web studiato per facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando l'amministratore da conoscenze tecniche di programmazione.

Esistono CMS specializzati, cioè appositamente progettati per un tipo preciso di contenuti (un'enciclopedia on-line, un blog, un forum, ecc.) e CMS generici, che tendono ad essere più flessibili per consentire la pubblicazione di diversi tipi di contenuti.

Tecnicamente un CMS è un'applicazione lato server, divisa in due parti: la sezione di amministrazione (back end), che serve ad organizzare e supervisionare la produzione dei contenuti, e la sezione applicativa (front end), che l'utente web usa per fruire dei contenuti e delle applicazioni del sito.

I CMS possono essere programmati in vari linguaggi tra cui più comunemente in ASP, PHP, .NET; il tipo di linguaggio adoperato è indifferente a livello di funzionalità. Alcuni linguaggi rendono il CMS multipiattaforma, mentre altri lo rendono usufruibile solo su piattaforme proprietarie.

Cenni storici

I content management system sono nati negli Stati Uniti e sono stati inizialmente sviluppati da alcune organizzazioni che producevano notevoli quantità di pubblicazioni, per il loro uso interno. Nel 1995 la CNET rese pubblici gli studi e i prodotti sviluppati internamente, distribuendoli con l'etichetta Vignette. La compagnia cominciò a mettere a disposizione il proprio software come sistema di gestione dei contenuti via web. Per la prima volta un utente poteva creare il proprio sito direttamente dal web, usando l'interfaccia CNET.

Nel 1998, la Pencom Web Works, una compagnia di consulenza aziendale, introdusse il server di trasformazione dati (DTS) Metaphoria, che permetteva agli sviluppatori Java di scrivere applicazioni che si potevano collegare ai contenuti e permettevano di distribuire tali contenuti su canali diversi. Il prodotto non ebbe successo, ma il concetto che era stato introdotto costituì le basi di ciò che è diventato il CMS odierno.

Il problema della gestione dei contenuti

In un approccio sistematizzato al problema della gestione dell'informazione si affrontano le seguenti fasi:

  • Identificazione degli utenti di back-end e dei relativi ruoli di produzione o fruizione dell'informazione
  • Assegnazione di responsabilità e permessi a differenti categorie di utenti per distinti tipi di contenuti (in un progetto complesso il prodotto finito non è frutto del lavoro del singolo, che pertanto non ha possibilità o esigenza di intervenire in tutti gli ambiti)
  • Definizione delle attività di workflow, cioè formalizzazione di un percorso per l'assemblaggio del prodotto finale che, in quanto frutto di produzione frammentaria, deve acquisire la sua unitarietà sottostando a opportune procedure di supervisione. Più prosaicamente, per poter rendere efficiente la comunicazione tra i vari livelli della gerarchia, è necessaria un'infrastruttura di messaggistica, con la quale i gestori del contenuto possono ricevere notifica degli avvenuti aggiornamenti.
  • Tracciamento e gestione delle versioni del contenuto
  • Pubblicazione del contenuto
  • Definizione del palinsesto editoriale

La descrizione appena data è perfettamente applicabile anche a MediaWiki, il software di gestione di Wikipedia.

I web content management system

Nonostante i CMS non siano stati concepiti per il Web, oggi il loro utilizzo più diffuso è rivolto alla gestione di siti web, soprattutto se sono di grandi dimensioni e richiedono un frequente aggiornamento.

Una delle applicazioni più utili dei sistemi di WCMS, infatti, è nella gestione dei portali (intranet, extranet, community, siti di e-commerce...), dove vengono impiegati come strumento di pubblicazione flessibile e multiutente.

Ad esempio, gestione di contenuti testuali (notizie, articoli ecc.), link, immagini, liste di discussione, forum, materiale scaricabile. Può essere modificata anche la struttura stessa delle pagine in numero ed organizzazione. A volte i WCMS danno la possibilità di gestire anche più versioni dello stesso sito (ad esempio, HTML o WAP).

I WCMS consentono di definire utenti, gruppi e diritti in modo da poter permettere una distribuzione del lavoro tra più persone. Per esempio, è possibile definire una classe di utenti abilitati esclusivamente all'inserimento delle notizie, mentre si può riservare la scrittura di articoli ad un altro gruppo, e limitare tutti gli altri alla sola consultazione.

L'introduzione di un web content management system in azienda richiede la definizione di chiari processi interni di approvazione dei contenuti. La scelta di un software di WCMS è strategica per le aziende che generano la maggior parte di volume d'affari su Internet, ma - in proporzione diversa - è molto importante anche per il libero professionista che vuole utilizzare il medium Internet per farsi conoscere.

In letteratura esistono numerosi modelli che aiutano a valutare il ritorno di un investimento in un WCMS. I costi di adozione sono spesso elevati, quindi non sono sostenibili per i professionisti o i privati che non fanno del Web la loro competenza di base.

Per rispondere a questa necessità di mercato sono nati alcuni application service provider (ASP) che offrono questo servizio direttamente via Web, senza richiedere alcun investimento hardware o software. Gli ASP costano ai loro clienti un canone annuale per il servizio di WCMS erogato.

Vantaggi dei CMS

Un CMS permette di costruire e aggiornare un sito dinamico, anche molto grande, senza necessità di scrivere una riga di HTML e senza conoscere linguaggi di programmazione lato server (come PHP) o progettare un apposito database. L'aspetto esteriore delle pagine può essere personalizzato scegliendo un foglio di stile CSS appositamente progettato per un determinato CMS.

I flat file CMS, altrimenti noti come text-based CMS, sono dei content management system che si basano su file di testo (il più delle volte files XML) e che perciò non necessitano di alcun database come MySQL, PostgreSQL, ecc. Questi CMS sono facilmente installabili e dunque sono particolarmente adatti per siti personali o per piccole comunità. Un CMS open source di questa tipologia è Flatnuke.

Limiti dei CMS

Un CMS è tanto più efficiente quanto più è specializzato.

Molti piccoli portali fanno ricorso a CMS (scritti da altri e messi a disposizione gratuitamente o a pagamento) di tipo generico; per quanto un CMS possa essere flessibile, un sito basato su questa struttura in genere presenta un aspetto poco personalizzato se non è possibile intervenire direttamente sul codice sorgente del prodotto per modificarlo. Analogamente i contenuti saranno sempre ancorati a quanto previsto da chi ha progettato il CMS e non alle esigenze di chi pubblica il sito.

Problemi di gestione possono derivare dal fatto che chi pubblica o gestisce il sito può usare il CMS per intervenire sui contenuti e sull'aspetto, ma generalmente (caso del software proprietario) non è in grado di intervenire direttamente (o far intervenire) sulla struttura del CMS stesso; questo è un limite strettamente connesso al vantaggio primario dei CMS: pubblicare un portale senza doverne progettare la struttura o senza possedere le conoscenze tecniche (o le risorse finanziarie) per uno sviluppo personalizzato. Tuttavia esistono anche CMS particolarmente evoluti che permettono di scrivere direttamente sul database. È il caso per esempio di alcuni CMS proprietari.

Questi problemi sono risolvibili utilizzando software open source: la possibilità di accedere al codice sorgente del prodotto permette di personalizzare il software sulla base delle proprie esigenze a patto di non avere necessità di apportare modifiche al prodotto adottato. Anche in questo caso, vanno messi in conto i costi per lo sviluppo di moduli personalizzati o funzioni particolari a meno di non possedere in proprio o nella propria struttura aziendale le conoscenze tecniche per intervenire nel codice sorgente.

I portali di una certa importanza generalmente non fanno mai ricorso a CMS distribuiti bensì usano programmi e database progettati su misura, ovvero "CMS personalizzati" e dunque necessariamente specializzati; in questo modo la struttura e la presentazione vengono realizzate tenendo presenti i contenuti che il sito dovrà ospitare e potranno essere modificati in seguito a nuove esigenze.

Non mancano però i casi in cui grandi aziende o società si siano affidati a CMS open source liberi: la Sampdoria calcio e la Foppapedretti sono solo due esempi tra le realtà che hanno investito su questo tipo di tecnologia.

Da Wikipedia

Emulazione RGCome facilmente intuibile dal nome, l'emulazione RG è un'emulazione del register_globals, che consente ad alcune applicazioni di funzionare anche se il register_globals è su off.

Per motivi di sicurezza è consigliabile portarla a OFF.

E' possibile farlo aprendo il file globals.php nella cartella principale del sito Joomla, e sostituire la linea define('RG_EMULATION', 1) con la riga define('RG_EMULATION', 0).

Concludiamo questa prima parte con un'altra direttiva fondamentale per il corretto funzionamento di Joomla, ovvero il safe mode, che dovrebbe essere impostato su OFF.

Se la direttiva safe_mode è attiva si potrebbero riscontrare problemi durante l’installazione di estensioni.

E' possibile modificare l’impostazione del safe_mode nei seguenti modi:

a) modificando direttamente il valore della direttiva accedendo al file php.ini

b) alterandone il comportamento inserendo nel file .htaccess la direttiva php_value safe_mode 0

Magic QuotesAnalogamente alla modifica del register_globals è possibile modificare l’impostazione delle Magic Quotes nei seguenti modi:

modificare il file .htaccess inserendo “php_flag magic_quotes_gpc on”.

Se non si ha accesso al file .htaccess si può cercare di modificare il file php.ini inserendo magic_quotes_gpc=on

Se non è possibile modificare nè il file .htaccess nè il file php.ini dovete contattare il vostro fornitore del servizio richiedendo il cambio dell’impostazione.

Register GlobalsDalla versione 4.2 di PHP register_globals è impostato automaticamente su stato di off al fine di prevenire problemi di vulnerabilità. Se la versione di PHP del nostro server è precedente alla 4.2 e register_globals è impostato su on è possibile cambiare l’impostazione nei seguenti modi:

modificare il file .htaccess inserendo “php_flag register_globals off”.

Se non si ha accesso al file .htaccess si può cercare di modificare il file php.ini inserendo “register_globals = off”

Se non è possibile modificare nè il file .htaccess nè il file php.ini dovete contattare il vostro fornitore del servizio richiedendo il cambio dell’impostazione.

htaccess.txt è il file che dovremo modificare se, dopo aver abilitato le tre voci nella configurazione generale, il nostro sito risponde con un errore 500 (il più tremendo, perchè non da spiegazioni sui motivi del problema). Ragazzi, niente di più semplice. E' tutta una questione di #. Continua a leggere e vedrai!! Questo nominatissimo file lo troviamo nella root del nostro sito(o nella cartella dove abbiamo istallato Joomla!)

Questa è la parte da modificare nella cofigurazione generale di Joomla, area Seo

Dopo aver fatto quanto detto probabilmente, per colpa del file htaccess.txt, le pagine del nostro sito non apriranno. PANICO!!!!
Nessun problema, come detto, è tutta questione di #. Dove agire......

Troviamo il file e lo scarichiamo nel nostro Pc, lo apriamo con un editor di testo (è un file .txt al momento) e andiamo a ricercare due righe

Options +FollowSymLinks


e

# RewriteBase /

 

Per la prima, Options +FollowSymLinks, se avete il sito hostato nei server di aruba o simili, basta commentare (aggiungere) all'inizio della riga un # diventando dunque:

# Options +FollowSymLinks

Per la seconda
# RewriteBase /
le configurazioni possibili per far andare alla grande il vostro Joomla sono solo due:

1) Basta eliminare il commento alla riga (l’asterisco (#) ) ottenendo quindi:
RewriteBase /

2) Se si installa joomla in una directory secondaria (in una cartella) la direttiva si configura in questo modo:
RewriteBase /cartella dove è istallato Joomla

Ultima azione prima di riuppare il file htaccess nel vostro spazio web.

Rinominarlo togliendo .txt e inserendo un punto ( . ) prima della h. Non hai capito? devi fare così... da...

htaccess.txt >> fallo diventare >> .htaccess

Tutto qui direte voi?? Sììììììììì

Attenzione. Per alcuni host dedicati a joomla non c'è bisogno di aggiungere o togliere asterischi. Basta rinominare il file come vedete 3 righe più su. Provate prima di toccarlo all'interno; è probabile che non avete necessità nemmeno di aprirlo.
Un ultima cosa... quando, dopo averlo rinominato e lo ricaricate via ftp nel vostro spazio, è possibile che scompaia perchè non ha estensione (abbiamo tolto .txt). Nessun problema, è normalissimo.

Non vi resta che provare se il vostro sito funziona e se tutte le pagine si aprono tranquillamente. Se è così, bene, c'è l'abbiamo fatta.
Se invece, nonostante abbiate seguito alla lettera quanto scritto sopra, il vostro sito non ne vuole sapere di fungere allora contattate chi vi ha dato lo spazio perchè alcuni host non hanno abilitato il mod_rewrite. In questo caso, c'è poco da fare, tranne che cambiare host.

Spero sia tutto chiaro. Se hai difficoltà puoi anche scriverci o postare nell'area Seo di Joomla.it dove sicuramente qualcuno, e non solo quel pazzo che stai leggendo, sarà pronto ad aiutarti. Se hai risolto allora.... Ad maiora, che tradotto significa, augurare successi più grandi per il tuo JoomlaSite.

Pagina 76 di 86

Taolo 's Web Agency

Ultimi Articoli

Joomla Community Magazine

Ultimi Commenti

You are here:   Joomla Blog Home

Chi c'e' Online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

Seguici su FacebookFollow Me Twitter

Joomla.it | Il sito di supporto Italiano
Joomla Show | La directory di Joomla

Google codescript verifica


BlogJoomla.it | Il Meglio di Joomla
The Joomla!® name and logo is used under a limited license granted by Open Source Matters the trademark holder in the United States and other countries.

BlogJoomla.it is not affiliated with or endorsed by Open Source Matters or the Joomla! Project