Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Joomla 3.9

Joomla 3.9

La tanto attesa Joomla 3.9 e' stata rilasciata. Novita' su cookie e privacy

(1 Agosto 2013) Un importante Fix di sicurezza per la Joomla 1.5 -->    leggi l'articolo... 

Guide

Migrazione da Joomla 1.5 alla 2.5, per grossi siti

Hai faticato due e più anni per costruire un sito "massiccio", di quelli con più di 10000 contenuti. Hai installato modu

Leggi tutto...

News

Il budget del progetto Joomla nel 2012

Uno dei ruoli principali di Open Source Matters è quello di gestire le questioni finanziarie per il progetto Joomla!. E'

Leggi tutto...

Estensioni

DOCman diventa a pagamento

Un breve comunicato sul sito del produttore (http://www.joomlatools.eu/) ci informa che le prossime versioni di DOCman,

Leggi tutto...

Trucchi e Consigli

Utilizzare gli heading tag | Tecnica Seo White Hat

Gli heading tag sono usati per organizzare temi e sotto-temi della pagina. Ci sono 6 misure di heading tag: si parte da

Leggi tutto...

La credibilità ha due peculiarità immancabili: autorevolezza e competenza. Entrambi i concetti possono essere sia oggettivi che soggettivi, e dipendono dalla sensibilità, da credenziali e dai "titoli", dalla nostra percezione soprattutto, spesso legata a fattori secondari come il carisma, il fascino, la capacità attrattiva.  Così siamo portati a credere più facilmente a colui che ci appare attraente, e meno a chi sembra un poco di buono. O almeno così dovrebbe essere...

Con i media (e con internet) la cosa si complica non poco perchè non vi è un contatto diretto, non vi è, e mai ci potrà essere empatia: ci manca la sensibilità della comunicazione non verbale che spesso è un segnale inequivocabile di buona fede e di fiducia altrui. È un tema dibattuto da molti anni, per cui non è facile definire regole generali quando ci riferiamo alla credibilità di un sito web o di una struttura organizzata che lo gestisce.

Certificarsi e dimostrare competenza attraverso vie non soggettive è uno dei metodi perseguiti dalla maggior parte dei siti autorevoli, ma oggi dimostrare a chi ci segue questo importante fattore non è per nulla semplice, ne tantomeno scontato il metodo da utilizzare. Ma possiamo fare una piccola cernita delle caratteristiche che possono aiutarci a rendere credibile il nostro sito e il prodotto che offriamo. Ecco un breve elenco di ciò che ogni sito web che si rispetti deve esprimere a chi lo visita:

Rendi semplice la verifica dell'esattezza delle informazioni sul tuo sito

È possibile creare una credibilità sul web per il tuo sito fornendo collegamenti a fonti di terze parti (citazioni, riferimenti, fonte di materiale). Anche se le persone non seguiranno questi link, hai dimostrato fiducia nel materiale che inserisci nella tua creatura. Ti sei appoggiato su altre risorse che hai ritenuto importante riportare, ed i tuoi  visitatori saranno felici di approfondire.

Mostra che c'è una vera e propria organizzazione dietro al tuo sito

Cerca sempre di far risultare che dietro al tuo sito web vi è un'organizzazione legittima che promuoverà la credibilità del sito. Il modo più semplice per farlo è elencare un indirizzo fisico. Altre caratteristiche possono aiutare, come postare una foto dei vostri uffici o l'inclusione della Partita IVA che dimostra l'appartenenza ad un ente pubblico importante come la camera di commercio.

Evidenzia le competenze all'interno dell'organizzazione, nella stesura dei contenuti e nei servizi che fornisci


Avete esperti nel team che sviluppa il sito? Sono tuoi collaboratori o dei fornitori esterni di servizi autorevoli? E' cosa buona mostrare le credenziali tue e dei tuoi collaboratori. Se sei legato ad un'organizzazione rispettata è chiaro e di fondamentale importanza informare i tuoi visitatori di ciò. Viceversa, evitare di collegarsi a siti esterni che non sono credibili. Il vostro sito diventa meno credibile anche per semplice associazione (la psicologia sul web insegna).

Dimostra che il sito è circondato da gente onesta e degna di fiducia

Per prima cosa mostra che ci sono persone reali dietro il sito. Quindi, trova un modo per manifestare la loro attendibilità attraverso immagini o testo. Ad esempio, potresti inserire alcuni post biografici dei dipendenti che raccontano della loro famiglia o dei loro hobby.

Rendi semplice contattarti

Un modo semplice per aumentare la credibilità del tuo sito è quello di rendere facilmente rintracciabili le informazioni di contatto: telefono, l'indirizzo fisico e indirizzo email

Progetta il tuo sito in modo che abbia un aspetto professionale

E' noto che la gente valuta rapidamente un sito dal design. Nel progettare il tuo sito, prestare attenzione al layout, alla tipografia, alle immagini, alla coerenza delle pagine.

Rendi il tuo sito facile da usare, e sopratutto utile

Due orientamenti in uno. E' scontato che i siti vincenti sono quelli facili da usare e utili per chi vi approda. Alcuni webmaster dimenticano gli utenti ed il rispetto che essi meritano. Abbagliare i visitatori non è eticamente corrento, e presto verrete sgamati che quello che presentate non risponde al vero. L'autopromozione è un brutto difetto per qualsiasi azienda, e anche per un sito web.

Aggiornare il contenuto del tuo sito spesso (o almeno mostrare che esso è stato rivisitato di recente)

Le persone assegnano più credibilità a siti spesso aggiornati o che rivisitano i loro contenuti inserendo fresche e nuove informazioni.

Usare la moderazione per qualsiasi contenuto (sopratutto annunci o offerte)

Se possibile, evita di avere annunci sul tuo sito. Se è necessario disporre di annunci per monetizzare, cerca sempre di distinguerli chiaramente dal contenuto dal tuo sito. Evitare gli annunci pop-up, a meno che non ti dispiaccia infastidire gli utenti e perdere di credibilità. Per quanto riguarda lo stile di scrittura cerca di essere sempre chiaro, diretto, e sopratutto sincero evitando di camuffare annunci pubblicitari o pagine dedicate a tale scopo.

Evita errori di ogni tipo, anche se modesti e per te irrilevanti


Errori tipografici e collegamenti rotti sono un male per la credibilità di un sito più di quanto immagini. E 'anche importante evitare il minino errore per mantenere il sito attivo, funzionante e performante.

tratto da http://credibility.stanford.edu/guidelines/index.html

Joomla Blog è uno spazio web aperto all'inserimento di articoli da parte degli utenti che ne facciano richiesta. Questo sito accoglie, dopo opportune verifiche di qualità, unicità, utilità e rilevanza, i contenuti proposti che vengono visionati ed analizzati nella loro forma contenutistica. Non accettiamo inserzioni pubblicitare, articoli autopromozionali, non facciamo article marketing o similari.

I publisher impegnati in questo progetto sono:

Pino D'Angelo - (alias Taolo) - Mod Sezione Seo Joomla.it - Pubblicista accreditato impegnato presso diversi quotidiani online non solo di tecnologia e Internet.

Giuseppe Cacciola - (alias Peppec) - Si occupa di programmazione, assistenza Hardware e Software. Esperto di linguaggi di programmazione, costruzione di software personalizzati, da un ventennio nel campo IT.

Cettina Tinuzzo - (alias Cetty) - Svolge attività di public relation per diversi quotidiani online; ricercatrice nel campo del Marketing con un ottima conoscenza di sviluppo aziendale e attività di pubbliche relazioni.

Giovanni Gugliandolo - (alias Guglya) - Avvocato esperto in legislazione sul web. Specializzato in questioni legali legate al mondo di internet e della comunicazione in generale.

Nel futuro del Web la strada che percorreranno i grandi Giornali Online sembra tracciata; si dovrà pagare per leggere gli articoli. Ed è così che avviene da diverso tempo per il sito del Wall Street Journal, a cui tra qualche giorno si conformerà il New York Times. Da anni si parla di "informazione a pagamento" e, potete starne certi, non passerà tantissimo tempo prima che grossi editori ed anche famosi blog si adegueranno.

Tutto nasce da un "insufficenza" di risorse, che principalmente seguendo quello che fa la tv, basa la sua "ragion d'essere" per gran parte negli introiti sulla pubblicità. Anche se in leggera crescita, l'investimento pubblicitario sul web non è sufficiente, e la strada che sembra più semplice percorrere è "l'abbonamento alla notizia".

Il New York Times sfiora i 30 milioni di visitatori al mese, e finanziariamente basa i suoi introiti sulla pubblicità che raggiunge cifre che si aggirano sui 100 milioni di dollari l'anno. Una cifra molto alta che comunque non garantirebbe stabilità economica. Il New York Times aveva lanciato undici anni fa l'accesso a pagamento ai propri contenuti, ma abbandonò l'iniziativa nel 2002. Poi mise a punto un'offerta premium di contenuti web acquistabile con carta di credito al costo di 49 dollari l'anno. Il pacchetto si chiamava Times Select e comprendeva editoriali e commenti. Risultato delundente; abolito circa tre anni fa. Nonostante cià il sito newyorkese ci riprova, imponendo a chi voglia leggerne i contenuti un abbonamento.

Tanto per cronaca, un fallimento eccelente fu quello del El Paìs che fu il più accanito sito in Europa sulla linea "si paga tutto" sino a due anni fa, quando decise di tornare alla gratuità dopo aver visto El Mundo diventare il sito d'informazione leader quasi induscusso in Spagna. .

Si terrà a Roma il Social Media Week (il Festival della Rete) che dal 7 all' 11 febbraio trasformerà la Capitale, ed altre otto città del mondo, in terreno di dibattito e conoscenza intorno al vasto argomento del web e della rete.Un grande festival che bissa l'evento dello scorso anno tenutosi a Milano.


Una lunga serie di conferenze, incontri ed iniziative che si pongono come obbiettivo la divulgazione delle possibilità che il mezzo virtuale può dare, non solo agli utenti comuni ma anche alle aziende e alle istituzioni. Sono previsti più di 130 eventi eventi totalmente gratuiti e aperti a tutti, 250 speaker e all'incirca 25000 partecipanti.



Tra gli ospiti internazionali di questa edizione: Divya Gugnani, ceo Behind the Burner e ceo di Send the Trend, Peter Sunde Kolmisoppi, co-fondatore di The Pirate Bay, Alexis Ohanian, co-fondatore di Reddit e Will Mills, direttore Musica e Contenuti di Shazam Entertainment.

Nel corso dell'evento, gli studenti delle scuole che hanno aderito al progetto Nonni su Internet, da un idea dalla Fondazione Mondo Digitale, aiuteranno gli anziani nella scoperta e nel'uso del computer, principalmente di internet.

Mark ZuckerbergMark Zuckerberg, fondatore di Facebook, è l' Uomo dell'Anno 2010 secondo la rivista americana 'Time'. I lettori del prestigioso magazine avevano scelto in un sondaggio svolto per alcuni mesi di quest'anno il fondatore di Wikileaks, Julian Assange come personaggio più influente del 2010.

Ma l'ultima parola spettava alla direzione del settimanale che, evidentemente, ha fatto una scelta diversa.

Il riconoscimento, che il Time attribuisce dal lontano 1927 ed è quindi diventato in USA quasi un'istituzione, lo scorso anno era stato dato al capo della Federal Reserve Ben Bernanke e nel 2008 all'allora appena eletto presidente Barack Obama.

Il popolarissimo Social Network Facebook creato da Zuckerberg ha trasformato il modo in cui la gente comunica e fa affari ha spiegato Stengel.

Facebook "è una verità della nostra realtà globale sociale - spiega il Time -. Siamo entrati nell'era di Facebook e Mark Zuckerberg è la persona che ci ha portato a questo punto". La rivista fa notare come in meno di sette anni "Zuckerberg è stato capace di mettere insieme, in un singolo network, un dodicesimo della popolazione mondiale, creando un'entità sociale quasi il doppio più grande degli Stati Uniti". "Se Facebook fosse una nazione", continua il periodico, "sarebbe la terza più grande al mondo, dopo Cina e India".

Taolo 's Web Agency

Ultimi Articoli

Joomla Community Magazine

Ultimi Commenti

You are here:   Joomla Blog HomeInternet World News